Contenuto principale

La conoscenza non sarà mai inutile

DIMENSIONE TESTO

"I migliori maestri sono quelli che ti indicano dove guardare, ma non ti dicono cosa vedere"

Ho deciso di scrivere a te, giovane studente, di parlare a te.
So che stai vivendo un momento complesso: scegliere non è mai semplice, a nessuna età. Per te c'è un'aggravante: tutti sanno cosa è meglio per te, tutti consigliano o sconsigliano. E confondono.
Cosa pensi quando senti i termini 'Liceo Classico'? Cosa immagini?


Ormai, quando si cita questo indirizzo scolastico, le reazioni sono nella maggior parte negative. Le grandi critiche che ad esso si muovono sono legate alla difficoltà e all'inutilità di tale indirizzo di studi. Ascoltami, non ti ruberò molto tempo. Desidero che tu ponga attenzione a ciò che è importante donarti. Una scuola come il Liceo Classico aiuta ad intelligere. Sai cosa significa? Leggere dentro. Tra le righe, le culture, le persone, il mondo. Latino e greco, insieme a tutte le altre materie, aprono gli orizzonti e donano solide basi. Nulla ti servirà nella vita. Quando sarai chiamato a scegliere per il tuo futuro, la completezza della tua preparazione ti consentirà di optare per  qualunque percorso universitario. Crescendo, comprenderai quanto sarà importante avere la possibilità di accostarti ad un percorso, poiché possiedi i requisiti per farlo e quanto triste desiderare di farlo ma dover rinunciare per assenza degli stessi. Oggi sostenere di amare la cultura rende 'anacronistici'; la lezione dei classici è invece attualissima. Hai mai pensato che 'libro' e 'libertà' hanno la stessa radice, che 'scuola' significa 'tempo libero', quel tempo prezioso che ognuno deve dedicare a sé per diventare un individuo completo? Imparerai in questa scuola cosa si intende per vera nobiltà: essere capaci non di non cadere, ma di avere la dignità di rialzarsi. Imparerai l'importanza delle parole e la loro forza. Acquisirai nozioni che ti aiuteranno ad essere libero. Nelle scelte e nella vita. Potrai leggere, viaggiare, studiare, scoprire. E scoprirai la bellezza della meraviglia di fronte al sapere. La difficoltà non ti spaventi: in te è presente più forza di quella che immagini. E se qualcuno ti dirà che questo studio è inutile, rispondi che la conoscenza in generale, e quella di se stessi ('Conosci te stesso') in particolare, non sarà mai inutile.
Tra una scomposizione di un polinomio matematico, una ossidoriduzione chimica, potrai imparare a difendere i tuoi ideali come un eroe greco, a piangere sommessamente per un fondo dolore come un personaggio epico, a ridere con i comici, ad amare il silenzio e la solitudine come i lirici, a sognare come un cavaliere del ciclo bretone o carolingio, a sederti dietro una siepe come Leopardi, a correre lontano come gli artisti.
Possa la tua vita essere piena di colore come la mente e gli occhi di Van Gogh.
Forse Steve Jobs non sarebbe diventato ciò che è stato, se non avesse scelto studi 'difficili' e 'inutili' come i corsi di calligrafia, abbandonando la strada più semplice, e il cantante dei Coldplay non sarebbe così profondo e originale se non si fosse laureato in Studi del mondo antico.
Perdona il fiume di parole, ma quando qualcuno ha potuto partecipare della bellezza vorrebbe condividerla con altri.

Ti auguro ogni bene per il tuo futuro.
Sii felice (come si concludevano le lettere nel Cinquecento).
Buona scelta e buona strada

Professoressa Elvira Caizzo