Contenuto principale

STAGE AMBIENTALE PER LA 2^D DEL LICEO BODONI

DIMENSIONE TESTO


Il 30 e il 31 maggio la classe 2^D del Liceo Bodoni di Saluzzo ha partecipato ad uno stage ambientale presso la cittadina di Chianale, frazione del comune di Pontechianale.
Sulle alture di Pontechianale, il fiume Varaita, attraversato da un ponte in pietra, taglia in due il villaggio di Chianale, che, a 1800 m di altitudine, è l'ultimo paese prima del Colle dell’Agnello.

Il mattino del 30 ci siamo incamminati con destinazione i “Laghi Blu”.
Dopo tre ore di camminata siamo arrivati alla nostra meta: il sole splendeva e la neve aveva ghiacciato il lago.
Durante il tragitto i docenti accompagnatori: Flavio Girodengo e Carlo Depetris, hanno illustrato alcuni argomenti, spaziando dall'educazione ambientale alla botanica, dalla zoologia alla geologia alpina.
Uno degli argomenti trattati è stato il “Pino cembro”, specie longeva di albero montano che può raggiungere anche i 25 metri ed è usato in particolar modo per le sculture, infatti una volta ritornati a Chianale, durante il pomeriggio, abbiamo avuto la possibilità di incontrare un’intagliatrice locale. Arrivati davanti al suo piccolo negozio la ragazza ha raccontato la sua storia, quindi la sua passione per il legno e per l’intaglio.
Durante il periodo dell’università, come ogni studente, cercava un lavoro per potersi pagare gli studi, i libri e l’alloggio; un giorno suo padre le diede un pezzo di legno e un coltello, dicendole di provare a intagliare. Da quel momento è nata la sua passione e, una volta finiti gli studi, ha dedicato il proprio tempo al piccolo negozio.
Inizialmente, come da sue aspettative, non aveva molti clienti, ma con il passare degli anni questo suo passatempo si è trasformato in un vero e proprio lavoro. Questa occupazione la impegna tutto l’anno, ricevendo turisti e clienti in estate e in inverno, preparando le sue opere e tessuti.
Nella seconda parte del pomeriggio ci ha mostrato le sue opere preferite, e la loro realizzazione, ovvero i rosoni e l’albero della vita, le rappresentazioni più importanti del posto.
Durante la fine dell’incontro abbiamo girato il centro di Chianale e la giovane intagliatrice ci ha mostrato le travi in legno più importanti e le scritte incise su di esse, dimostrando così che l’intaglio è una delle pratiche preferite e più antiche del luogo.
Introducendo così un altro degli argomenti trattati durante lo stage: il “tête coupè” e il loro significato sullo stipite delle case: sculture di teste umane che ornano portali e capitelli sia in chiese sia in abitazioni di origine medioevale, probabilmente tracce di tradizioni celtiche.
Molto utile è stato inoltre apprendere alcuni termini specialistici in inglese grazie al prof. Depetris.
La serata del 30 l’abbiamo conclusa in bellezza, ascoltando le storie delle “masche” raccontate da Prezzemolo; è un personaggio molto conosciuto nella provincia di Cuneo per le sue capacità di raccontare le storie di una volta attinte dai ricordi delle persone anziane, di realizzare giocattoli e di creare origami, di raccontare favole per bambini.
Durante il secondo giorno, il 31, abbiamo fatto un’esercitazione: divisi in gruppi riconoscere le diverse piante (come l’abete, il pino cembro, le piante leguminose, il tarassaco, ecc.) assegnate dal professore e calcolare la portata del fiume Varaita, che attraversa Chianale. Con la fine dell’esercitazione abbiamo terminato lo stage ambientale, arricchiti di nuove esperienze e conoscenze.

Paola Chiri e Filippo Greco
2^D
Liceo Bodoni - Saluzzo